Puglia Jazz Factory chiude il Valdarno Jazz

20 lug

Martedì 21 luglio ore 21.30,Terranuova B.ni (AR), Piazza Liberazione

Puglia Jazz Factory chiude il Valdarno Jazz

Gaetano Partipilo, sax alto e soprano

Raffaele Casarano, sax alto e soprano

Mirko Signorile, pianoforte

Marco Bardoscia, contrabbasso

Fabio Accardi, batteria

Si chiuderà martedi 21 luglio, a Terranuova Bracciolini (ore 21.30, piazza Liberazione, AR), con il concerto dei Puglia Jazz Factory, il ventiseiesimo Valdarno Jazz Summer Festival. “Un’edizione che ci ha regalato grandi soddisfazioni, registrando spesso il tutto esaurito, da Kenny Garrett che ha aperto il festival, a Paolo Fresu, a Antonello Salis e Stefano Cantini”, hanno detto i direttori artistici Daniele Malvisi e Gianmarco Scaglia

L’ensemble che si esibirà domani è composto da Gaetano Partipilo e Raffaele Casarano al sax alto e soprano, Mirko Signorile al pianoforte, Marco Bardoscia al contrabbasso e Fabio Accardi alla batteria. il gruppo è una delle nuove scommesse del jazz italiano, un vero e proprio collettivo senza leader che propone composizioni originali di tutti i componenti.

Nato come progetto speciale nel 2011 per il Roma Jazz Festival, e con un album all’attivo (From the heel), Puglia Jazz Factory riunisce infatti alcune tra le migliori personalità in ambito jazzistico, sposando una linea artistica innovativa e ben definita. Grazie all’unione di personalità ben distinte, il gruppo propone un sound dalle tante sfaccettature, alimentato da un background musicale comune, che sconfina in sonorità pop e rock.

Ingresso libero. L’evento è in collaborazione con Music Pool.

Per ulteriori informazioni sul programma: valdarnojazzfestival.wordpress.com  e fb del festival.

Sabato 18 luglio ore 21.30 Antonello Salis e Stefano “Cocco” Cantini

17 lug

Sabato 18 luglio ore 21.30,Terranuova B.ni (AR) Fattoria di Montelungo, Fraz. Cicogna

Antonello Salis e Stefano “Cocco” Cantini al Valdarno Jazz

Sabato 18 luglio il Valdarno Jazz Festival si sposta alla Fattoria di Montelungo di Terranuova Bracciolini (Frazione Cicogna) dove, alle ore 21.30, si svolgerà il concerto di ArDuo, formazione composta da Antonello Salis al pianoforte e fisarmonica e Stefano “Cocco” Cantini al sax tenore e soprano. 

Il duo propone una combinazione strumentale con pochissimi precedenti. Cantini e Salis hanno iniziato a lavorare insieme accomunati dalla passione per la melodia. La possibilità di scambiarsi continuamente i ruoli e di gustare appieno le possibilità timbrico-dinamiche dei rispettivi strumenti e della loro affascinante tavolozza sonora, dà a loro la capacità di coinvolgere sia gli amanti del jazz che gli estimatori della musica popolare. Il repertorio, costituito da composizioni originali dei due musicisti e da brani di levatura internazionale, non perde mai la strada della melodia: grande forza e successo di un solista del calibro di Stefano Cocco Cantini, definito da Down Beat uno dei migliori e originali sax soprano del panorama mondiale, e di uno dei musicisti più eclettici e talentuosi del contesto internazionale quale è Antonello Salis. Il concerto rientra nella manifestazione “Palazzi, ville e giardini”, a seguire piccola degustazione dei vini e prodotti del territorio dell’Ascione.

Ingresso libero con prenotazione obbligatoria al numero 055 – 9194729 e 055 – 9738828, infoturismovaldarno@gmail.com

Dice Stefano Cocco Cantini: ”Il nostro progetto si chiama arDuo, e con Antonello Salis siamo in simbiosi musicale. Non sappiamo quasi mai prima quello che succederà sul palco, suoniamo con il massimo dell’interplay, in maniera completamente estemporanea, viaggiando sulle melodie del mondo: non per forza jazz o classica, ma melodie che circolano nell’aria intorno a noi. Questa è la nostra magia. Io e Salis abbiamo collaborato in molti dischi, ma questo progetto è nato l’anno scorso dal desiderio di suonare noi due da soli. Abbiamo all’attivo già molti live in questa formazione, e presto sarà realizzato un disco. Tra noi c’è una strana magia, facciamo lavorare più l’anima che la ragione.”

“Questo concerto – ha spiegato Daniele Malvisi, direttore artistico del Valdarno Jazz insieme a Gianmarco Scaglia – ha riscosso un enorme successo in tutta Europa, grazie a un approccio dissacrante che mescola di continuo il jazz al pop e al rock, con un accostamento di sax, pianoforte e fisarmonica in grado di meravigliare. Consigliamo di non perderlo”.

Per ulteriori informazioni sul programma: valdarnojazzfestival.wordpress.com  e fb del festival.

Enrico Merlin/16 luglio

15 lug

Giovedi 16 luglio ore 21.30, Terranuova, Piazza Liberazione

Enrico Merlin e il suo “UN-Covered Music Project”

al 26/mo Valdarno Jazz

Continuano gli appuntamenti con la musica del Valdarno Jazz, giovedì 16 luglio alle 21.30 all’anfiteatro La Ginestra di Montevarchi, con Enrico Merlin “Un-Covered Music Project” in concerto. La formazione, guidata dal chitarrista e storico della musica milanese con all’attivo collaborazioni con musicisti di livello internazionale tra cui Lee Konitz, Franco D’Andrea, Enrico Rava e Paolo Fresu, è composta da Mirko Pedrotti al vibrafono e alle percussioni, Andrea Busico al basso e Davide Dalpiaz alle tastiere, piano e elettronica (ingresso libero).

Poliritmie e polimetrie, sinfonie di timbri e colori, dinamiche estreme e una certa ironia pervadono la musica del Merlin UN-Covered Music Project. L’ascoltatore è condotto in un caleidoscopico viaggio sonoro, ricco di imprevedibili deviazioni, in paradossale repertorio di cover di brani composti da Enrico Merlin stesso e proposto da una band che riunisce alcuni dei più interessanti talenti provenienti da differenti aree musicali.

“All’interno dei festival jazz sono tantissimi i gruppi di cover e i tributi ai grandi musicisti – spiega Merlin – così due anni fa, dopo aver accumulato negli anni una quantità enorme di composizioni originali, mi è venuta l’idea di creare un progetto di cover di pezzi miei. Così ho preso il mio repertorio e l’ho riorganizzato e riarrangiato per una formazione nata ad hoc, una band modulare che ha alla base un quintetto, ma a cui spesso si aggiungono ospiti, che vuole diventare espressione di un pensiero che è provocatorio e dimostrare che se la musica funziona, può farlo con qualsiasi tipo di organico”
Ingresso libero

Inizio dei concerti: ore 21.30.

Per ulteriori informazioni del programma: valdarnojazzfestival.wordpress.com e fb del festival

Domani al Valdarno Jazz la mitica PAOLO FRESU BRASS BANG (sabato 11 luglio, San Giovanni Valdarno)

10 lug

Sabato 11 Luglio ore 21.30, San Giovanni Valdarno

Al Valdarno Jazz la “Paolo Fresu Brass Bang”

Un eccezionale quartetto di soli ottoni capitanati dal celebre trombettista sardo, con solisti quali Steven Bernstein alla tromba, Gianluca Petrella al trombone e Marcus Rojas alla tuba

Sabato 11 luglio ci sarà un gradito ritorno al Valdarno Jazz, quello con la Paolo Fresu Brass Bang!, eccezionale quartetto di soli ottoni capitanati dal celebre trombettista sardo, che sarà in concerto alle ore 21.30 a San Giovanni Valdarno (piazza Masaccio). 

La band di soli fiati sfodera solisti d’eccezione: oltre a Fresu, ci saranno Steven Bernstein alla tromba, Gianluca Petrella al trombone e Marcus Rojas alla tuba, per un originale progetto caratterizzato da una formazione unica e un repertorio variegato, che coniugherà musica, gioco, libertà creativa e interplay. Una band nata quasi per gioco, priva della ritmica classica, fatta da pianoforte, basso e batteria, ma in grado di trasmettere la forza di altri quattro strumenti principe del jazz moderno.

La brass bang sabato passerà in maniera disinvolta da omaggi ai Rolling Stones a Jimi Hendrix, dalla tradizione del folclore sardo alla musica afroamericana di Duke Ellington, fino a pezzi originali e momenti di divertissement. 

Fresu, musicista dal suono unico, ha collaborato alla realizzazione di alcune produzioni originali di Valdarno Jazz. E’ riconosciuto come uno dei protagonisti nella scena jazz contemporanea, vincitore di un’estesa lista di premi oltre che professore e direttore di numerose istituzioni italiane e internazionali. Ha suonato in ogni continente e con i nomi più importanti della musica degli ultimi 30 anni ed ha registrato oltre trecentocinquanta dischi.

L’evento è in esclusiva toscana (ingresso 16-18 euro)

Le prevendite dei concerti sono aperte sul sito www.eventimusicpool.it, su circuito boxoffice, su www.boxol.it e su ticketone.it

Inizio dei concerti: ore 21.30. 

Per ulteriori informazioni del programma: valdarnojazzfestival.wordpress.com  e fb del festival.

BIOGRAFIE

Paolo Fresu, trombettista dal suono unico, ha partecipato a circa 300 registrazioni, alcune come leader e altre come sideman, e ancora a tanti progetti che uniscono musica etnica, jazz, world music, musica antica e contemporanea. Fresu è direttore artistico del festival Berchidda Time In Jazz, del Bergamo Jazz Festival e del Seminario Jazz di Nuoro. È anche coinvolto nella produzione di numerosi progetti multimediali, collabora con attori, danzatori, pittori, scultori e poeti, e scrive musiche per film, documentari, video, balletti e spettacoli teatrali. 

Steven Bernstein, trombettista, compositore e arrangiatore – rappresenta dagli anni ottanta, da quando cioè ha lasciato la California per trasferirsi a New York, una delle personalità musicali più prolifiche della scena downtown. Oltre ad aver suonato con un moltissimi musicisti, è stato membro dei Lounge Lizards di John Lurie, e co-leader del trio Spanish Fly. L’incontro con il produttore e manager Hal Willner (ai tempi del primo disco degli Spanish Fly), ha dato vita ad un sodalizio che continua fino ad oggi. Bernstein è diventato l’indispensabile direttore e arrangiatore di vari eventi artistici che hanno Willner come deus ex machina, come i tributi a Doc Pomus, Harold Arlen e Leonard Cohen. Inoltre ha lavorato alle musiche di film, programmi televisivi, spot pubblicitari, e collaborato con cantanti come Lou Reed, Marianne Faithfull e Sting. Versatile e sempre convincente in qualsiasi contesto musicale, Bernstein è anche leader degli esplosivi Sex Mob e della Millennial Territory Orchestra, tra i migliori gruppi del new-jazz contemporaneo.

Gianluca Petrella considerato fra i più dotati trombonisti jazz del momento (ha vinto nel 2006 e nel 2007 la classifica per i migliori artisti emergenti del jazz mondiale stilata dal giornale statunitense Down Beat), è collaboratore fidato di Enrico Rava ma anche titolare di alcune delle formazioni più interessanti degli ultimi anni come l’Indigo Quartet e la celebrata Cosmic Band, più volte segnalata quale una delle formazioni migliori del jazz attuale. Geniale e dirompente, è in grado di equilibrare come pochi altri il senso della tradizione e le più innovative forme delle architetture dell’avanguardia.

Marcus Rojas, definito “phenomenal tubist” sulle pagine del New Yorker è considerato ormai da anni il miglior suonatore di tuba al mondo. Tra le sue collaborazioni spiccano quelle con Metropolitan Opera, New York City Ballet, New York City Opera, American Symphony, American Ballet Theater, New York Pops, Radio City Music Hall, Lester Bowie’s Brass Fantasy, Charlie Haden’s Liberation Music Orchestra, Art Ensemble of Chicago, Wynton Marsalis, Gil Evans, George Russell, Jim Hall, Lionel Hampton, Dave Douglas, Wayne Shorter, Michael Jackson e David Byrne. E’ titolare di due importanti realtà del jazz contemporaneo quali Spanish Fly e Les Miserables Brass Band. Il suono della sua tuba ha partecipato a più di 300 registrazioni della musica moderna.

“Max Ionata Hammond Trio” con Gegè Telesforo

8 lug

Giovedi 9 luglio ore 21.30, Montevarchi, Anfiteatro La Ginestra

Al Valdarno Jazz “Max Ionata Hammond Trio” con Gegè Telesforo

Terzo appuntamento del Valdarno Jazz, giovedì 9 luglio, ore 21.30, a Montevarchi (anfiteatro La Ginestra) con il concerto di Max Ionata Hammond Trio. Il gruppo, capitanato dal sassofonista Ionata (all’attivo 70 dischi e collaborazioni con Robin Eubanks, Lenny White, Billy Hart, Alvin Queen, Joe Locke, Anne Ducros, Steve Grossman, Mike Stern, Ornella Vanoni), è composto da Amedeo Ariano alla batteria e Alberto Gurrisi all’organo hammond. 

Ospite della serata sarà Gegè Telesforo, cantante e compositore che ha attraversato 30 anni di storia della radio e TV (note le collaborazioni con Renzo Arbore) con garbo, leggerezza e amore per la sua passione di sempre, il jazz. Telesforo è noto per lo “scat”, una forma di canto jazz basata sull’improvvisazione vocale; l’artista ha duettato con artisti quali Dizzy Gillespie, Clark Terry, Dee Dee Bridgewater e molti altri (ingresso unico 15 euro).

Dice Max Ionata: “Il concerto diventerà un vero show, con la musica sempre al centro. Con Gegè Telesforo sai dove cominci, ma non sai mai dove vai a finire. Collaboro con lui da ormai cinque anni, ho un feeling straordinario con questo artista con il quale ho girato praticamente tutto il mondo, in una tournée arrivammo addirittura in Cina. Sicuramente sarà una serata speciale. Eseguiremo principalmente brani di sua composizione, un repertorio dunque concepito per il suo modo di fare musica, in quel territorio in cui riesce ad esternare la massima espressività. Io poi adoro il trio con l’organo hammond, saremo i primi a divertirci, e speriamo di donarvi una serata fantastica”.

Le prevendite dei concerti sono aperte sul sito www.eventimusicpool.it, su circuito boxoffice, su www.boxol.it e su ticketone.it

Biglietti in vendita anche la sera stessa del concerto.

Per ulteriori informazioni del programma: valdarnojazzfestival.wordpress.com  e fb del festival.

Kenny Garrett – 6 Luglio – Terranuova Bracciolini

4 lug

Lunedi 6 luglio ore Terranuova Bracciolini, piazza Liberazione, ore 21.30

Il quintetto di Kenny Garrett al Valdarno Jazz Festival

Il celebre sassofonista è in concerto in esclusiva toscana al festival. Con lui sul palco Corcoran Holt al basso, McClenty Hunter alla batteria, Vernell Brown al piano e Rudy Bird alle percussioni

Per il Valdarno Jazz Festival, lunedì 6 luglio, alle ore 21.30 a Terranuova Bracciolini (AR), in piazza Liberazione, si esibirà il quintetto di un big del jazz internazionale, il sassofonista statunitense Kenny Garrett. Nel corso di una carriera stellare che copre più di trent’anni, Kenny Garrett è divenuto uno dei principali sassofonisti della sua generazione e uno dei più imitati, celebre per la sua partecipazione alla Duke Ellington Orchestra (condotta dal figlio di Duke, Mercer Ellington) e per collaborazioni con Freddie Hubbard, Woody Shaw, Art Blakey & The Jazz Messengers e Miles Davis. 

Con lui, sul palco, lunedi, ci saranno Corcoran Holt al basso, McClenty Hunter alla batteria, Vernell Brown al piano e Rudy Bird alle percussioni. In scaletta standard, original e brani tratti dall’ultimo album, Pushing the World Away, dedicato ad alcuni dei musicisti più rilevanti per l’ispirazione di Garrett, quali Mulgrew Miller, Chick Corea, Chucho Valdés, Sonny Rollins, Donald Brown.

L’evento è in esclusiva toscana (ingresso 16-18 euro, biglietti in vendita anche la sera stessa).

Nato a Detroit il 9 ottobre del 1960, Kenny Garrett ha esordito nel 1978 con la Duke Ellington Orchestra. Dal suo primo ingaggio professionale con l’Orchestra, fino all’esperienza come ultimo grande sassofonista di Miles Davis, Garrett ha sempre apportato, in ognuna delle situazioni musicali, il suono vigoroso, melodico e inconfondibile del suo sax alto.

Dice Garrett: “Amo la sfida che comporta l’essere ricettivi sia nei confronti della musica che della vita in generale. Mi piace essere in tour e ci sto a lungo e non provo brani nuovi quando sono in giro a suonare per la gente. Inoltre registrare un album richiede un sacco di preparazione e per concettualizzare la musica ho dovuto per forza aspettare il momento opportuno e dedicarmici interamente.” Da tale immersione nasce Pushing the World Away, l’album del 2013 nel quale Garrett continua il suo percorso di maturazione come compositore. Mulgrew Miller, suo caro amico per molti anni, ha sottolineato in un articolo apparso su Downbeat “Kenny ha sempre avuto un grande suono fin dall’inizio, un suono unico, ma è grazie alle sue composizioni che quel suono si è trasformato in una voce accattivante e lirica”.

La 26a edizione del Valdarno Jazz Festival proseguirà il 9 luglio, a Montevarchi (anfiteatro La Ginestra) con il trio di Max Ionata, che incontrerà per l’occasione Gegè Telesforo, cantante e compositore che ha attraversato 30 anni di storia della radio e TV con garbo, leggerezza e coerente amore per la sua passione di sempre, il jazz. Oltre al sax di Ionata, completano l’ensemble Amedeo Ariano alla batteria e Alberto Gurrisi all’organo hammond (ingresso 15 euro).

L’11 luglio seguirà un gradito ritorno al Valdarno Jazz, quello con la Paolo Fresu Brass Bang! (San Giovanni Valdarno, piazza Masaccio), in cui il celebre trombettista incontrerà il sound di Steven Bernstein alla tromba, Gianluca Petrella al trombone, e Marcus Rojas alla tuba (ingresso 16-18 euro). Fresu, musicista dal suono unico, che ha collaborato alla realizzazione di alcune produzioni originali di Valdarno Jazz, è riconosciuto come uno dei protagonisti nella scena jazz contemporanea, vincitore di un’estesa lista di premi oltre che professore e direttore di numerose istituzioni italiane e internazionali.

Le prevendite dei concerti sono aperte sul sito www.eventimusicpool.it, su circuito boxoffice, suwww.boxol.it e su ticketone.it

 

Valdarno Jazz Summer Festival 26° edizione

28 apr

26° edizione per la kermesse jazzistica diretta dal sassofonista Daniele Malvisi e dal contrabbassista Gianmarco Scaglia, in collaborazione con Music Pool

Da Kenny Garrett a Paolo Fresu, aperte le prevendite per il Valdarno Jazz Summer Festival

Tra gli eventi, alcuni in esclusiva toscana, Kenny Garrett 5tet (6 luglio), ‘Max Ionata Hammond Trio’ feat. Gegè Telesforo (9 luglio), Paolo Fresu Brass Bang! (11 luglio)

Dal quintetto del sassofonista Kenny Garrett alla Brass Bang di Paolo Fresu: si sono aperte le prevendite per i concerti, in esclusiva toscana, dei big del jazz internazionale, a luglio ospiti della 26° edizione del Valdarno Jazz Summer Festival.

L’evento, diretto dal sassofonista Daniele Malvisi e dal contrabbassista Gianmarco Scaglia, in collaborazione con Music Pool, si svolgerà dal 1 al 21 luglio nei comuni del Valdarno, situato tra Firenze ed Arezzo, con sette appuntamenti a Terranuova Bracciolini, San Giovanni Valdarno e Montevarchi.

Ad aprire il festival (1 luglio, Montevarchi, anfiteatro La Ginestra) sarà l’omaggio del sestetto di Daniele Malvisi a Miles Davis e ai suoi tanti modi di comporre, uno sguardo a 360° sulla sua opera in una genuina dichiarazione d’amore verso l’uomo e la sua eredità, da Nefertiti a Seven Steps to Heaven, a Kind of Blue, fino ai meno noti Amandla, Tutu, in un interplay contagioso.

Il 6 luglio, a Terranuova Bracciolini, in piazza Liberazione, ecco il quintetto di un grande big, il sassofonista Kenny Garrett, celebre per la sua partecipazione alla Duke Ellington Orchestra (condotta da Mercer Ellington) e per collaborazioni quali quelle storiche con Freddie Hubbard, Woody Shaw, Art Blakey & The Jazz Messengers e Miles Davis.

Nel programma, da non perdere l’appuntamento con la Paolo Fresu Brass Bang! (11 luglio, San Giovanni Valdarno, piazza Masaccio), in cui il celebre trombettista incontrerà il sound di Steven Bernstein alla tromba, Gianluca Petrella al trombone, e Marcus Rojas alla tuba, e quello con un altro grande sassofonista, Max Ionata, che sarà al VJ con Gegè Telesforo, cantante e compositore, che ha attraversato 30 anni di storia della radio e TV con garbo, leggerezza e coerente amore per la sua passione di sempre: il jazz (9 luglio, Montevarchi, anfiteatro la Ginestra).

Completano la 26a edizione Enrico Merlin 4tet con ‘UN-Covered Music Project’ (16 luglio, Terranuova Bracciolini, piazza Liberazione), Stefano Cantini e Antonello Salis (18 luglio, Terranuova Bracciolini, Fattoria di Montelungo) e Puglia Jazz Factory (21 luglio, Terranova Bracciolini, piazza Liberazione).

Le prevendite sono aperte sul sito www.eventimusicpool.it, su circuito boxoffice, su www.boxol.it e su ticketone.it.

Inizio dei concerti: ore 21.30.

Per ulteriori informazioni del programma: valdarnojazzfestival.wordpress.com  e fb del festival.

Screen Shot 2015-04-27 at 13.20.11

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 31 follower