Mercoledì 30 gennaio: Storie del jazz della west coast. Parole e musica con l’Igor Palmieri Quintet

29 Gen

Mercoledì 30 gennaio si chiude il ciclo di eventi  di “Aspettando il Valdarno Jazz” presso l’Auditorium Le Fornaci a Terranuova Bracciolini

 

Storie del jazz della west coast. Parole e musica con l’Igor Palmieri Quintet

 

Un concerto più che una guida all’ascolto, tra brani originali del Palmieri Quintet e capolavori di Chet Baker, Dave Brubeck, Stan Getz. A coordinare la serata il critico musicale Alceste Ayroldi. In apertura, alle ore 20.30, drink-coffeejazz in musica presso Easy Bar.

Jazz nero e Jazz bianco: è reale l’antinomia musicale che si creò tra la fine degli anni ‘40 e gli anni ‘50 tra un corposo manipolo di musicisti caucasici e i boppers afroamericani. Con le storie del jazz della west coast, raccontate dal critico musicale Alceste Ayroldi e interpretate dall’Igor Palmieri Quintet, si chiude mercoledì 30 gennaio alle ore 21.30 presso l’Auditorium Le Fornaci a Terranuova Bracciolini (via Vittorio Veneto 40/D, AR) “Aspettando il Valdarno Jazz”, ciclo di eventi di preparazione al 21° Valdarno Jazz Winter Festival. L’evento di domani è l’anteprima speciale della nuova edizione del festival, un concerto più che una guida all’ascolto, tra brani originali del Palmieri Quintet e capolavori di Chet Baker, Dave Brubeck, Stan Getz.

Ad aprire la serata, alle ore 20.30, presso l’EasyBar, di fronte all’auditorium,  l’incontro/intervista con il sassofonista Igor Palmieri, durante il “drinkcoffeejazz”. A seguire “Jazz White, tra musica e teatro le vicende dei suoi protagonisti”, con Alceste Ayroldi (collaboratore di riviste quali Musica Jazz, Il Giornale della Musica, Andy Magazine, editor manager della webzine Jazzitalia), e Igor Palmieri Quintet, ensemble formato da Igor Palmieri al sax tenore (tra le collaborazioni, Paolo Fresu, Tom Kirkpatrick, Carlo Atti), Fulvio Chiara alla tromba, Luciano Milanese al contrabbasso, Daniele Gorgone al piano e Carlo Milanese alla batteria. Nel progetto, Ayroldi vestirà gli abiti dello storyteller e accompagnerà il pubblico attraverso un affascinante percorso nel jazz e nella sua storia. Alla narrazione, che si affida anche alla letteratura jazzistica italiana e straniera, farà eco la musica suonata dal vivo dall‘ensemble di Igor Palmieri.  Un appuntamento dove la musica si racconta e si ascolta, aspettando il Valdarno Jazz, festival diretto dai musicisti Gianmarco Scaglia e Daniele Malvisi, che si terrà dal 9 febbraio al 22 marzo nei comuni del Valdarno, con otto eventi con le stelle del jazz internazionale e italiano.

Ingresso 10 euro intero, 7 ridotto per under26, over 65.

Comunicato completo su: https://valdarnojazzfestival.wordpress.com/press/

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: