CHIUSURA della 24° edizione del Valdarno Jazz Summer Festival

28 Lug

COMUNICATO STAMPA

 

Martedi 29 luglio ore 21.30, piazza Masaccio, a San Giovanni Valdarno CHIUSURA della 24° edizione del Valdarno Jazz Summer Festival

 

Alessandro Lanzoni Trio incontra la tromba californiana di Ralph Alessi

 

Alessandro Lanzoni, pianoforte; Matteo Bortone, contrabbasso; Enrico Morello, batteria; Ralph Alessi, trombaEvento in collaborazione con Music Pool

 

Il festival ha registrato il pieno negli appuntamenti. Si dicono ‘Molto soddisfatti dell’edizione’ i direttori del festival Daniele Malvisi e Gianmarco Scaglia

 

 

Si chiude la 24° edizione del Valdarno Jazz Summer Festival, martedi 29 luglio presso piazza Masaccio a San Giovanni Valdarno, con il trio di Alessandro Lanzoni,formato da Alessandro Lanzoni al pianoforte (Top Jazz di Musica Jazz come nuovo talento del 2013), Matteo Bortone al contrabbasso e Enrico Morello alla batteria. Il grupposi unirà alla tromba californiana di Ralph Alessi, che ha già collaborato con artisti quali Steve Coleman, Uri Caine, Ravi Coltrane, Fred Hersch, Don Byron. Per l’evento, in collaborazione con Eventi Music Pool, saranno interpretati brani originali e rivisitazioni di capolavori di Thelonious Monk e John Coltrane (ingresso libero).

 

Il trio di Lanzoni, formato da giovani musicisti, uniti da un passione per il jazz che li ha portati a cercare le esperienze formative più prestigiose, si è costituito nelle aule di Siena Jazz, durante i due anni dell’International Jazz Master. Alessandro, Enrico e Matteo qui si sono incontrati, e si sono subito capiti. È nato così il loro gruppo, alla luce di un’esperienza comune che si è subito tradotta nella volontà di costruire insieme qualcosa di bello e di nuovo, all’insegna della continua ricerca della fusione e dell’interplay. ‘Dark flavour’, il loro primo album, ha rivelato già una fisionomia ben delineata: un repertorio di brani originali, frutto delle doti compositive del leader (e non solo), ma anche brani della migliore tradizione del jazz, con scelte estremamente mirate. Nel concerto sarà possibile assistere ad un gruppo in cui convivono gioia di vivere e consapevolezza dei propri mezzi, con uno sguardo lanciato verso il futuro.

 

Si dicono ‘molto soddisfatti dell’edizione’ gli organizzatori del 24° Valdarno Jazz Festival, il sassofonista Daniele Malvisi e il contrabbassista Gianmarco Scaglia, che ha registrato il pieno nei sette appuntamenti gratuiti che si sono svolti nei comuni del Valdarno (Terranuova Bracciolini, San Giovanni Valdarno e Montevarchi). Sono stati ospiti le stelle del jazz internazionale e italiano, come il batterista statunitense Paul Wertico (ex Pat Metheny Group), il super gruppo formato dal batterista americano Peter Erskine con il contrabbassista danese Palle Danielsson e la pianista Rita Marcotulli, i tedeschi Jatzt Trio (vincitori dell’ultimo Jazz by the Pool), mentre tra gli italiani si sono avvicendati sul palcoDuccio Bertini & Rainbow Jazz Orchestra con il trombettista Marco Tamburini, XY Quartet con Nicola Fazzini e Alessandro Fedrigo, e i talenti di casa Daniele Malvisi, Gianmarco Scaglia, Fabrizio Mocata, Giovanni Paolo Liguori.

Alessandro Lanzoni: l’assegnazione del ‘Top Jazz 2013’ come miglior nuovo talento dell’anno, attribuito dai più qualificati giornalisti italiani per la rivista Musica Jazz, colloca ormai a pieno titolo Alessandro Lanzoni fra gli artisti di maggiore personalità del jazz italiano, forte anche di un curriculum che, potendo già vantare esperienze di assoluto prestigio, da diversi anni lo ha imposto all’attenzione del mondo musicale. Alessandro si è affermato molto presto anche in veste di leader, e può già vantare una significativa esperienza internazionale in Europa, America Latina, Israele e Stati Uniti, dove ha ricevuto recensioni lusinghiere e insolite per un musicista straniero. Ira Gitler, dopo averlo ascoltato in Piano Solo nel palazzo dell’ONU, nella sua colonna su Jazzimprov.NY, ha  avuto modo di affermare, dall’alto dei suoi settant’anni di pura storia del jazz: ‘Non dovrebbe essere giudicato come un giovane musicista. E’ già eccezionale, e  rischia di diventarlo ancora di più’.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: