Si chiude il 28/mo Valdarno Jazz Summer Festival con il Francesco Giustini organ 4tet

22 Lug

 

L’evento si terrà lunedì 25 luglio ore 21.30 in piazzale Trieste a Terranuova Bracciolini (Ar)

ingresso libero

Si chiude il 28/mo Valdarno Jazz Summer Festival 

con il Francesco Giustini organ 4tet 

Primo appuntamento live per il nuovo progetto del trombettista Francesco Giustini. In programma una serata tra suggestioni bluesy e sonorità moderne, che spazierà da composizioni originali a brani di musicisti quali Wayne Shorter e Woody Shaw

Saranno l’energia e il dinamismo del Francesco Giustini organ 4tet chiudere la 28/ma edizione del Valdarno Jazz Summer Festival, lunedì 25 aprile alle 21.30 in piazzale Trieste, a Terranuova Bracciolini (Ar). Primo appuntamento live per la band, che proporrà al pubblico un repertorio tra suggestioni bluesy e sonorità moderne. Il risultato è una scaletta eclettica che mescola composizioni originali a brani di Wayne Shorter e Woody Shaw, per una combinazione di timbri originale e piena di sorprese, a metà tra innovazione e tradizione. Sul palco il timbro inconfondibile dell’organo Hammond di Manrico Seghi, il lirismo melodico della tromba di Francesco Giustini e lo swing travolgente della batteria di Giovanni Paolo Liguori, a cui si aggiunge il talento improvvisativo e l’esperienza di Massimo Morganti, uno dei migliori trombonisti sul territorio nazionale (ingresso libero).

“Questo nuovo progetto in quartetto nasce dal desiderio di utilizzare l’organo Hammond, normalmente tipico di contesti blues o blues jazz, per caratterizzare un repertorio molto più moderno. Mescoleremo quindi il timbro bluesy con brani distanti da questo genere musicale sia dal punto di vista armonico che compositivo, per creare un suono nuovo e originale” spiega Giustini. “Per il nostro primo live abbiamo in programma una serata dedicata in gran parte al post bop, quindi al jazz dagli anni ’50 in poi, il tutto rivisitato in chiave moderna. Ci saranno sì sonorità blues e soul jazz, ma anche una buona dose di effettistica, sia per quanto riguarda le percussioni che gli strumenti a fiato”.

Daniele Malvisi, organizzatore del Valdarno Jazz insieme a Gianmarco Scaglia, facendo il punto su questa 28/ma edizione, che ha registrato quasi sempre il tutto esaurito (tra i nomi che si sono esibiti Carla Bley, Stefano Bollani, David Binney, Nico Gori, Simone Graziano, Riccardo Fassi) dice: “L’esperienza appena trascorsa costituisce l’ennesimo successo di un festival che, nel corso degli anni, ha reso Valdarno Jazz un’eccellenza a livello nazionale. Una costante e crescente partecipazione di pubblico, non solo residente sul territorio, ma anche proveniente da svariate regioni italiane ne è la conferma più lampante. Siamo orgogliosi di questi traguardi, e, nella speranza di ulteriori sviluppi futuri, vogliamo ringraziare tutti i comuni e le singole persone che insieme a noi da anni danno vita a questa manifestazione culturale”.

 

Prevendite su circuito box office, su ticket one, e su www.eventimusicpool.it

Per ulteriori informazioni visitare il sito internet valdarnojazzfestival.wordpress.com

Infoline 055 – 240397.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: